Parliamoci Chiaro

Hai paura di parlare in pubblico? Ottimo!

I 3 elementi necessari per parlare al pubblico con successo
5 settembre 2017
Fammi capire bene che cos’è il Public Speaking
2 ottobre 2017

Scopri come usare la paura di parlare in pubblico a tuo favore. 3 utili consigli su come fare.

 

Devi parlare davanti a un pubblico e la cosa ti spaventa moltissimo?

Benvenuto! Fai parte del 70% circa della popolazione.

Eh già, la paura di parlare in pubblico è una delle paure più diffuse. Per gli inglesi è superiore persino alla paura della morte!

Di solito, tra le persone che vengono ai miei corsi per parlare in pubblico, riscontro alcuni di questi sintomi:

  • Tachicardia,
  • Mani sudate,
  • Gola secca,
  • Tremolii degli arti,
  • Lingua felpata,
  • Arrossamento del viso,
  • Senso di vergogna,
  • Voglia di scappare,
  • Poca lucidità mentale…

Dimmi la verità, quanti di questi sintomi si verificano anche su di te?

Il fatto è che avere paura, provare ansia, essere stressati quando si parla in pubblico è una cosa del tutto normale. Questo perché lo stress altro non è che una naturale reazione che il nostro organismo mette in atto quando viene trovarsi di fronte a una situazione nuova, e tutto ciò accade perché la nostra mente cataloga le cose sconosciute come potenzialmente pericolose.

E’ qualcosa che ci portiamo dietro dalla notte dei tempi, quando i nostri antenati, armati di clava, si trovavano a dover combattere contro bestie feroci o avversità climatiche o ambientali e avevano due soluzioni: combattere o scappare.

C’era in ballo la sopravvivenza!

Ed ecco quindi che, quando ci troviamo in uno stato d’allerta, il nostro fisico aumenta il tono muscolare e il grado di attenzione per permetterci di sopravvivere.

Quando ti trovi a dover parlare in pubblico di certo non rischi la vita come i nostri antenati, ma le sensazioni sono le stesse. Devi cercare di sopravvivere alla paura del giudizio, alla paura di non essere all’altezza, di perdere il filo del discorso, di annoiare, al timore di perdere un’importante occasione.

 

Che si può fare allora?

E’ stato dimostrato che se non c’è stress, qualunque prestazione non può essere soddisfacente.

Pensa a un atleta, oppure a un attore o a un musicista.

Se prima e durante la sua performance non ci fosse stress o ansia, la sua prestazione sarebbe scialba, priva della grinta e della concentrazione necessarie ad ottenere un risultato soddisfacente.

Quindi il segreto non è eliminare lo stress, ma saperlo gestire, fare in modo che resti al di sotto di quella che viene definita soglia critica, oltre la quale, anziché aiutarci, diventa tossico e ci danneggia.

Io faccio spettacoli di cabaret in duo da una decina di anni e il mio partner di scena si chiama Gianni. Puntualmente, pochi minuti prima di cominciare uno spettacolo, dietro alle quinte, lui viene da me tutto preoccupato e mi dice: “Andrea non ce la faccio, sono nel pallone, non ho la minima idea di cosa dobbiamo fare”.

Io allora lo guardo, gli do una pacca sulla spalla e gli dico: “Ottimo, siamo pronti a cominciare!”. Poi andiamo in scena e lo spettacolo funziona! Questo perché lo stress di Gianni (e anche il mio in realtà 😉 ) vengono trasformati in energia funzionale alla nostra performance.

La gestione dello stress è uno dei principali argomenti che tratto nei miei corsi di public speaking. Questo perché saper gestire lo stress permette di potersi concentrare su altro: su cosa devi dire e su come lo devi dire.

Se ti interessa saperne di più, trova il corso più vicino a te visitando questa pagina.

 

3 utili consigli

Anche se questo è solo l’articolo di un blog, voglio comunque darti alcuni consigli su cosa puoi fare per gestire lo stress durante un intervento in pubblico.

  1. RESPIRA. Se sei a corto d’aria prendi fiato tra una frase e l’altra. Fai dei bei respiri che diano ossigeno al cervello e poi riparti. Non preoccuparti del fatto che la cosa possa essere notata dall’uditorio, dopotutto stai solo respirando!
  2. MUOVITI: Puoi muoverti nello spazio che hai a disposizione durante l’intervento, per cercare di sciogliere un po’ di tensione. Cammina tra il pubblico, se possibile, o avanti indietro sul palco. Fallo però non troppo in fretta o otterrai l’effetto opposto. Se non hai la possibilità di camminare accentua il tuo gesticolare (anche qui senza esagerare!).
  3. ALZA IL VOLUME DELLA VOCE. Prova ad usare un volume un po’ più alto di quello che usi abitualmente. Il tuo cervello sentirà una voce diversa dal solito, gli suonerà più sicura, e ti farà agire di conseguenza.

Saper gestire la paura di parlare in pubblico ti consente di essere focalizzato sull’uditorio, ovvero fa in modo che tu non sia un oratore ordinario (che spesso si traduce in banale e noioso) che si limita a parlare IN pubblico.

Tutt’altro, gestire lo stress, ti da la possibilità di essere libero di sintonizzarti sulla tua platea, e di tararti costantemente con essa, cioè fa si che tu sia un oratore che parla AL pubblico.

Impara come farlo in maniera facile ed efficace visitando la pagina dei miei prossimi corsi.

Andrea Masiero
Andrea Masiero
Papà di Leonardo e Daniele. Attore e formatore. Aiuto le persone a parlare in maniera efficace davanti al pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scarica la mini guida gratuita

Scopri la differenza tra

 parlare IN pubblico e parlare AL pubblico.

Leggi la miniguida e resta sempre aggiornato sul mondo del public speaking

Congratulazioni! Riceverai a breve una mail con la tua miniguida.